tradurre in:

Non mi piace dizionario vuoto
amore le parole e le espressioni patetiche:
"Sei mio". «La vostra». "Mi piace". «Per sempre tuo».
Non mi piace la schiavitù. occhio libero
Bella donna guardando negli occhi
E dico: "Stasera è la notte. Ma domani -
Brillante e nuovo giorno. venire.
mi Bury, passione solenne.
E domani sarò andato - e zapoyu ".

La mia anima è semplice. La brezza salata
Mari e Smolny spirito di pino
esso ospitava. E in essa - tutti gli stessi segni,
Cosa c'è sul mio viso segnato dalle intemperie.
E sto bene - bellezza impoverito
Shifting dune e il mare del Nord.

Così ho pensato,, vagando lungo il confine
Finlandia, approfondendo le voci scure
Dagli occhi verdi, la barba lunga e finlandesi.
ci fu il silenzio. e la piattaforma
Pronto coppie di treni divorzio.
E guardia dogana russa
Pigramente appoggiata sulla sabbia
rottura, Da dove viene il web.
Ci ha aperto un nuovo paese -
E Chiesa Russa sembrava senza fissa dimora
In un paese sconosciuto straniero.
Così ho pensato,. E ne è venuto
E io stavo sul pendio. erano Ryzhi
I suoi occhi dal sole e sabbia.
E i capelli, pino resinoso come,
Con la bassa marea il blu è caduto sulle spalle di.
è venuto. Ha attraversato il suo sguardo bestiale
Con gli occhi degli animali. Scoppiai a ridere
alta risata. Mi ha buttato
Ciuffo d'erba, e una manciata di oro
sabbia. Poi - saltò
e, saltare, Mi sono precipitato in discesa…

il suo scacciassi. Iscarapal
Il volto degli aghi, sanguinando mani
E il vestito strappato. Gridò e inseguito
la sua, come una bestia, di nuovo gridò e chiamò,
E la voce appassionata era come il suono del corno.
Ha lasciato una scia di luce
Le dune mobili, e perso nei pini,
Quando il loro intrecciati blu notte.

E mi sdraio, da corto di fiato,
uno, nella sabbia. Gli occhi incandescente
Ancora in corso - e tutte le risate:
capelli ridere, ridere gambe,
ride vestito, gonfia l'esecuzione…
Mi sdraio e pensare: "Stasera è la notte
E domani sera. Non voglio andare via,
Anche se non è testa di serie, come una bestia,
E la voce, cenno, corna come,
Non bloccato il suo percorso. E non dire:
"Il mio! il mio!"- E lasciami gridare:
"La vostra! la tua!»

dune
Giugno-luglio 1907

La maggior parte dei versi Leggi Block


Tutte le poesie di Alexander Blok

lascia un commento