Caucaso - Pushkin


Caucaso sotto di me. Uno nel cielo
Sono in piedi sulla neve ai bordi delle rapide;
aquila, passando da un vertici lontani,
Librarsi immobile con me su una base di parità.
D'ora in poi vedo la nascita di flussi
E la prima cosa che un movimento minaccioso frane.

Qui le nuvole con umiltà vanno sotto di me;
attraverso di loro, rovesciato, cascate rumorose;
Sotto le scogliere rinfuse nudi;
Lì, sotto il muschio magro, cespuglio secco;
E ci sono già boschetti, baldacchino verde,
Dove il cinguettio degli uccelli, dove saltare cervi.

Ma c'è già e la gente sono la nidificazione in montagna,
E strisciare pecora sulle rapide zlachnym,
E il pastore verso il basso per le valli allegri,
Dove sta correndo a ombreggiate rive del Aragvi,
E il cavaliere povero sta nella gola,
Dove Terek giocato in feroce gioia;

Riproduce e ululati, come un animale giovane,
cibo Zavidevshy dalla gabbia di ferro;
E battendo sulla riva in una faida inutile,
E leccare le scogliere di onda di fame ...
Votshte! cibo da lui, una consolazione:
lo affollava masse minacciosamente silenziosi.

Vota:
( Nessuna valutazione ancora )
condividi con i tuoi amici:
Alexander Blok
lascia un commento