La sera d'autunno era. Il rumore di vetri pioggia…


Notte senza che, nominare chiunque
nome luce: Lenore.
Edgar Allan Poe

La sera d'autunno era. Il rumore di vetri pioggia
Ho risolto tutti la stessa I - una domanda dolorosa,
Quando il mio ufficio, enorme e nebbiosa,
Entrò il signore. Dietro di lui - cane peloso.

Su una sedia accanto al fuoco seduto stancamente ospite,
E il cane ai suoi piedi sdraiato sul tappeto.
Ospite ha detto educatamente: "Può essere vero non è ancora sufficiente per voi?
Precedente tempo Genius Destiny per accettare, SOR ".

"Ma nella sua vecchiaia - e il ritorno dei giovani, e calore…»-
Così ho cominciato… ma lui con insistenza interrotto:
"E '- tutto il w: Lenore pazza Edgar.
non ritorno. - Altro? Ora ho detto tutto '.

Ed è strano: la vita era - delizia, la tempesta, inferno,
E qui - nelle ore serali - da sola con uno sconosciuto -
Sotto questo business, Ha lungo sguardo calmo,
È molto più facile da immaginare me…

Quel signore ha lasciato. Ma il cane con me allungare.
Nell'ora della Carta dei gentili occhi amari su di me,
E mettere una zampa sul suo ginocchio rigido,
Come dire: tempo per accettare, SOR.

2 novembre 1912

Vota:
( Nessuna valutazione ancora )
condividi con i tuoi amici:
Alexander Blok
Aggiungi un commento