camera serale - Achmatova


Sto parlando quelle parole,
Che nascono solo una volta sotto la doccia.
Ronzio ape su un crisantemo bianco,
odore così soffocante dei vecchi sacchetti.

E la stanza, dove le finestre sono troppo strette,
Negozi amano e ricordano i vecchi tempi,
E sopra il letto della scritta - French
voce: "Signore, abbi pietà di noi " .

Sei storie tristi di vecchie note,
la mia anima, non toccarlo e non guardare ...
guardo, brillanti figurine Sevres
cappotti lucidi Faded.

Ultima fascio, e giallo e pesante,
Si fermò in un mazzo di dalia luminosi,
E nei miei sogni ho sentito il suono della viola
E rare accordi clavicembalo.

Vota:
( Nessuna valutazione ancora )
condividi con i tuoi amici:
Alexander Blok
lascia un commento