Lettere al muro – Joseph Brodsky


Salva la mia ombra. non so spiegare. Mi dispiace.
È necessario adesso. Salva la mia ombra, Salva.
Dietro le tue spalle, il correre è silenzioso tra i cespugli.
È ora che me ne vada. Rimarrai dopo di me.
addio, parete. sono andato. Lascia che i cespugli sognino.
Lungo gli ospedali dormienti. Illuminato dalla luna. Come te.
Cercherò di tenere questa sera nel mio petto per sempre.
Non essere arrabbiato con me. Devo avere qualcosa dietro.

Salva la mia ombra. Questa iscrizione non ha bisogno di essere cancellata.
Comunque, non verrò mai qui a morire,
Comunque, non me lo chiedi mai: vernis.
Se qualcuno ti abbraccia, caro muro, sorriso.
L'uomo è una palla, e l'anima è un filo, dire.
In effetti, un bambino sconosciuto ti sta guardando.
Lascia andare - dici - alzati sopra il fogliame verde.
Mi guardi, mentre cado a capofitto.

Discordia e desiderio, oscurità e lacrime agli occhi,
un'abbondanza di minuti nelle ore di ospedale.
Il rimorchiatore sta salpando. Vuoto dietro di lui.
Luna dorata in alto sopra la prigione di mattoni.
Dedicare libertà alla solitudine vicino al muro.
Lascio in eredità al muro il bussare dei passi in mezzo al silenzio.
Rivolgendomi al muro, respirando affannosamente nell'oscurità:
Ti lascio a tenere a freno il bambino per sempre.

Non voglio morire. Non sopporto la morte della mia mente.
Non spaventare il bambino. Ho paura di sprofondare nell'oscurità.
non voglio andarmene, Non voglio morire, Sono uno stupido,
non voglio, Non voglio immergermi nell'oscurità.
Vivi solo, vivi e basta, sostenendo la tua spalla fredda.
Nemmeno io, né altri, né amore, chiunque, Niente da fare con.
Vivi solo, vivi e non me ne frega niente, dimenticare.
Non voglio morire. Non posso uccidermi.

Quindi gridami. Artigiana che grida e rimprovera.
Quindi gridami. È così facile spaventare un bambino.
Quindi gridami. Non ho intenzione di urlare me stesso:
Hey, ragazzo! - e vola subito attraverso spazi vuoti.
Hai ragione: bisogno di avere qualcosa dietro la schiena.
bene, che ora rimangono nell'oscurità dietro di me
non un agente muto con un mantello da piccione sulle spalle,
non anima o carne - solo un'ombra sul tuo mattone.

Isolatore del desiderio - o semplicemente andare avanti.
Supervisore dell'amore - o solo il mio popolo russo.
bene, che ce n'era uno, che può renderti imparentato anche tu.
bene, che non ti interessa sempre, chi dovresti eseguire.
C'è una prigione dietro di te. E dietro di me c'è solo un'ombra su di te.
bene, che un'alba giallo brillante si insinua nel tubo.
bene, che la notte sta finendo. Il giorno sta arrivando.
Salva la mia ombra.

январь – февраль 1964

Vota:
( Nessuna valutazione ancora )
condividi con i tuoi amici:
Alexander Blok